Riviera di Genova: Nervi, Bogliasco e Pieve Ligure, soggiorno, cultura e intrattenimento nell'arco di mare, coronato dì verde.

Soggiorno, cultura e intrattenimento nell'arco di mare, coronato dì verde, da Nervi al Promontorio di Portofino

Mare e gastronomia, tesori d'arte e orizzonti senza fine, entroterra verde e clima dolce, baie silenziose, spiagge, rocce a picco, e poi musica, cultura, intrattenimento: il Golfo Paradiso onora il suo nome.

E singolare il fatto che un tratto così breve di costa, e il suo entroterra, racchiudano tanti e forti motivi di interesse.

Lo può constatare facilmente il viaggiatore curioso, ma anche la famiglia in vacanza, o il giovane sportivo, o il villeggiante "di lungo corso" che qui trova clima dolce e ospitalità discreta tutto l'anno.

Saranno i documenti e i segni che l'opera dell'uomo ha lasciato nei secoli, con gli edifici sacri, le opere d'arte, le strutture dei borghi felicemente armonizzati con l'ambiente.



Sarà l'esposizione a mezzogiorno e il riparo delle colline, e lo scambio dell'aria di mare con quella di bosco, che ci regalano un clima temperato e benefico. O. ancora, la natura, che qui si è espressa con il dono di tanti luoghi celebrati, tra i più belli in assoluto.

Certo il Golfo Paradiso è tutto questo, e si è meritato il nome. Per goderlo e apprezzarlo, per scegliere la meta di un weekend o di un soggiorno, di una gita o di una vacanza, occorre un primo sguardo d'assieme.

Inizia da Nervi il nostro itinerario senza fretta


Parchi, roseto e spettacoli. Dove si incontrano natura e arte.Genova non è ancora finita e già siamo nel Golfo Paradiso.

L'incontro felice tra arte e natura si avverte subito lasciata la città, o scendendo qui, al casello di Genova-Nervi sul­l'autostrada che collega Milano a Sestri Levante. Nervi apre la sfilata delle bellezze del Golfo, e già ne segna il carattere con la magnificenza del suo verde, parchi e giardini che scendono dolcemente al mare. Qui incontriamo subito, anche d'inverno, ciucila mitezza di clima che richiama ospiti da tutto il mondo.

Qui l'eleganza dei negozi si accorda con la qualità del­l'intrattenimento, che culmina nel famoso l'estivai Internazio­nale del Balletto, passando per le "prime" cinematografi-che estive nel Roseto del parco di villa Grimaldi. Ed è proprio la villa Grimaldi che ospita le raccolte Frugone d'arte figurativa otto-novecentesca. Il museo Luxoro, invece, offre all'ammirazione degli appassionati la sua rac­colta di arredi, dipinti, mobili del '600/700. Con la Galleria d'Arte Moderna, di prossima riapertura, Nervi costituisce un invidiabile polo culturale.

Tutto racchiuso tra le antiche case del borgo, il porticciolo di Nervi è un'attrazione permanente
fatta di colori, di barche fitte fitte protette dal molo, di reti da pesca stese al sole. E' un angolo fuori dei tempi incastonato come per incanto nella città moderna.

Tra terra e acqua, dal por­ticciolo a Capolungo, si snoda, dolce anche d'in­verno, la passeggiata Anila Garibaldi. Ricavata sulla scogliera con passaggi ar­diti, curatissima, offre tma gran quiete assolata con mare calmo o il frastuono delle onde sulla roccia. Da qui si ammira tutto l'arco disteso del Golfo Pa­radiso, fino al promontorio di Portofino.
Bogliasco, il borgo dei pescatori


Contro i pirati barbareschi e saraceni. "IlCastello": così è denomi­nata l'antica torre posta a guar­dia del borgo contro le brame dei pirati barbareschi e sara­ceni, oggi trasformata in ap­partamenti con vista e profu­mo di mare.

La storia più che millenaria di Bogliasco ha lasciato testimo­nianze interessanti nel ponte medievale (detto Romano) che scavalca il torrente con un'uni­ca campata e nell'antico borgo della frazione Sessarego. All'imbrunire tutti in spioggia a vedere i! ritorno delle barche da pesca.

Accogliere i pescatori di ritorno, ammirare la qualità e l'abbondanza del pescato: è il "rito" affollato che conclude una giornata di mare, di quieto riposo sulla spiaggia o di suri" sulle onde lunghe del libeccio.

Ma Bogliasco. gaia e accogliente, propone ai suoi ospiti tanti motivi d'interesse: la passeggiata a mare, la piscina, la vela, la vita di spiaggia. Per gli appassionati d'arte ecco l'oratorio di Santa Chiara, con i suoi fastosi Crocifissi custoditi dalla confraternita plurise­colare e la bella parrocchiale barocca con sagrato a "risseu" e fantastica vista mare.

Pieve Ligure, nel paese della mimosa


Non solo mare, nell'incantevole Golfo Paradiso

Se la Sagra della Mimosa si tiene nei primi giorni di febbraio, non è per un'insen­sata sfida alle stagioni: a Pieve Ligure veramente, l'esplosione del fiore dorato, comincia già a gennaio. Il suo giallo intenso testimonia che qui Li primavera vince il maltempo e l'inverno, e dura idealmente tutto l'anno. Lo sanno i turisti che soggior­nano qui, sulla grande scoglie­ra a picco sul mare, in cerca di tepore, e lo sapevano cer­tamente gli antichi che formarono il borgo originario di Pieve Alta, sulle pendici del monte di Santa Croce, attorno alla bella parrocchiale di San Michele.

Oggi, in un paesaggio segnato dal fiorire delle serre, dagli ulivi contorti e dal pino marit­timo, da una costa alta e roc­ciosa rotta da piccole cale, i villeggianti d'ogni età trova­no un'accoglienza ospitale, attrezzature sportive moderne e animazione con eventi mu­sicali e culturali.

Seguite il segnavia (due quadri rossi): la salita ai ^lo metn elei monte ui oìni" ta Croce, coronato dalla storica chicsina sulla vetta, vi premierà della fatica con un gran panorama. Qui si danno appuntamento gli ardimentosi per lanciarsi nel vuoto col parapendio, macchie di colori vivaci sul fondo azzurro mare.
Nel territorio protetto dai volontari contro gli incendi, fioriscono spontanee le orchidee

Se da Pieve Alta vi avviate a piedi dalla piazza alberata e imboccate la bella via che porta a San Bernardo di Bo-gliasco, trovate presto sulla clcstni un ecliricio immerso nei silenzio, riscniunito ull interno da una luminosità solare velata d'antico. È l'oratorio di San­t'Antonio Abate, un'unica navata e, lungo le fiancate, una sfilata di grandi crocifissi lignei della scuola del Maragliano. Non mancate di vederlo. Il sentiero, alto sul mare, noto per la sua dolcezza, la vista che olire, la posizione riparata è una "comiche" pedonale per famiglie. Corre a mezza costa, quasi in piano o con leggeri saliscendi, fino a San Bernar­do, frazione di Bogliasco, unendo in circa quattro chilo­metri le due località del Golfo Paradiso. In ogni stagione (basta un po' di sole) frotte di bimbi, famiglie e giovani si godono questa piacevolezza. Senza prezzo.

 
Ricerca personalizzata

Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

NuoviPosts VecchiPosts Home page

0 commenti:

Posta un commento