Le città d'arte italiane rappresentano una delle mete più ambite del turismo culturale mondiale.

Le città d'arte italiane rappresentano una delle mete più ambite del turismo culturale mondiale. Ricche di monumenti, chiese, castelli, musei, dimore storiche, le città d'arte italiane sono l'obiettivo ideale del turismo destagionalizzato, di quella voglia di viaggiare e conoscere che può essere soddisfatta durante tutto il corso dell'anno.

Le città d'arte italiane sono molte: Torino, Milano, Venezia, Bologna, Ferrara, Firenze, Perugia, Roma, Napoli, Palermo, per citarne alcune.
abruzzo L'Aquila_41
Tutte conservano un patrimonio storico, artistico e archittetonico che racconta secoli di storia. Ricche delle tracce delle vicende umane che le hanno attraversate - le città d'arte italiane sono state spesso sede di governi e principati e teatro di fatti avvincenti che hanno modificato il corso stesso della storia -, per il loro peculiare rapporto con il potere sono state a più riprese modificate e abbellite in quanto dimora di principi, duchi, papi, re e imperatori.
colosseo
Spesso caratterizzate da un tessuto urbanistico che ne conserva l'impianto originario, si tratti di un castrum o di un borgo medievale, le città d'arte italiane rappresentano le vestigia dei tempi che furono congelate nelle loro trasformazioni.
Leggi anche: Il turismo in Italia è cresciuto (ma restiamo solo quinti).
Segnate dall'attività di grandi artisti e mecenati queste città non sono solo il contenitore di espressioni artistiche rilevanti ma sono esse stesse delle opere d'arte.
 
Musei a cielo aperto che si possono godere a piedi e visitare negli aspetti più moderni e vitali lungo percorsi che guidano alla scoperta di negozi e botteghe artigiane, mercati e sagre, festival e teatri che coniugano tradizioni, cultura e divertimento.
Venezia-Carnevale5
Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
NuoviPosts VecchiPosts Home page

1 commento:

  1. Immaginati un mago con un solo trucco. O una televisione con un canale. Se lo trovi eccitante e pensi che valga un viaggio allora vai a vedere la mal costruita Torre di Pisa. La trovi come giri l'angolo per accedere alla piazza. Ed è tutto qui. Sì, i soliti baracchini che vendono souvenir e i turisti che posano come se stessero impedendo alla torre di cadere. Ti fa vedere quello che le pubbliche relazioni possono raggiungere. Viaggia un po' di più fino alle Cinque Terre per una vista davvero mozzafiato.

    RispondiElimina